Fotofinish 2 (2006)

s-documento a più punti di vista girato nel tempo

Cinema sperimentale ● 75 min ● Italiano

La donazione è libera, ma ti consigliamo una donazione minima di 4€. Questa cifra minima ci permette contemporaneamente di sostenere l’opera del regista e la gestione di questo sito.
Ti ricordiamo che il film rimarrà per sempre a tua disposizione, nella library personale del tuo account.

Trailer

Scheda tecnica

Regia: RezzaMastrella
Montaggio: Eugenio Smith
Colonna sonora: George Garzone
Produzione: RezzaMastrella
Interpreti: Antonio Rezza, Armando Novara
(mai) scritto da: Antonio Rezza
Habitat: Flavia Mastrella
Assistente alla creazione: Massimo Camilli
Immagini di: Marco Tani, Ivan Talarico, Eugenio Smith
Girato a: Roma Teatro Spazio Zero

Sinossi

Girato in occasione dell’operazione “2003, Odissea nello Spazio Zero” all’interno del Teatro Spazio Zero di Roma. Il documentario, filmato tra il 21 ottobre e il 30 novembre 2003, racconta la rappresentazione di Fotofinish non come opera unica e continuativa, ma come l’evolversi nel tempo degli umori e del movimento degli attori che, replica dopo replica, hanno maturato coscienza dello spazio e sono arrivati alla gioia della messa in scena.
Partendo dai campi lunghi, girati durante i primi giorni, ci si è spinti sempre più vicini all’evento fino a salire con la telecamera sul palco. Inseguendo il ritmo spasmodico della dinamica performativa, impegnata a manifestarsi nella finzione, il contesto spaziale diventa realtà. La voce recitante, registrata durante una delle ultime repliche, è l’illusione percettiva che conduce l’opera verso un’unitarietà fatta di suoni fuori sincrono e salti prospettici. Il corpo del performer è in mutamento e viene raffigurato nei primi giorni, quando era tondo e sinuoso, e negli ultimi, quando è scarnito e scorticato. E l’unico elemento costante, incancellabile, torna a essere la voce stridula che non subisce l’onta del tempo e della fatica. Le immagini, finite di montare da Eugenio Smith nel 2006, mescolano gesti, applausi e consensi. E così anche il pubblico, sballottato dal montaggio, smette di essere entità per divenire frammento di se stesso: non più un solo pubblico a vedere la stessa performance ma tanti pezzi di pubblico a fremere per un’opera solo apparentemente compattata.

Film consigliati