Apollon, una fabbrica occupata (1969)

Archivio storico ● 66 min ● Italiano

La donazione è libera, ma ti consigliamo una donazione minima di 4€. Questa cifra minima ci permette contemporaneamente di sostenere l’opera del regista e la gestione di questo sito.
Ti ricordiamo che il film rimarrà per sempre a tua disposizione, nella library personale del tuo account.

Trailer

Scheda tecnica

Regia: Ugo Gregoretti
Montaggio: Mario Salvatore, Gianni Scorzelli
Colonna sonora: Gruppo Free Jazz di Mario Schiano
Produzione: Cinegiornali liberi, Collettivo Apollo, AAMOD - Fondazione Archivio Audiovisivo del Movimento Operaio e Democratico
Fotografia: Ferruccio Castronuovo, Renato Tafuri
Collaborazione: Sergio Boldini, Giulietto Chiesa, Diego Fiumani, Valerio Veltroni
Realizzazione: Unitelefilm
Voce: Gian Maria Volonté

Sinossi

Apollon, una fabbrica occupata nasce dalla collaborazione tra un gruppo di cineasti, coordinato da Ugo Gregoretti, e gli operai che occupano l'industria tipografica Apollon, sita sulla via Tiburtina a Roma. In forma di docu-fiction, il film ricostruisce le vicende della lunga occupazione della fabbrica, iniziata il 4 giugno 1967 e terminata nel dicembre 1968. Gli operai interpretano se stessi e vari altri ruoli (la polizia, i crumiri etc.), ma sono anche coautori del film, che non è una semplice cronaca degli avvenimenti, ma una lettura analitica della realtà della fabbrica, la storia della conquista di strumenti di lotta e democrazia, con l'indicazione di strategie di attacco al potere padronale. La storia, infatti, con un procedimento di ricostruzione narrativa, parte da molto prima, dal 1960, rievocando i primi scioperi operai, la lotta contro il padrone paternalista, la creazione di una cooperativa di consumo interna.
La voce narrante di Gian Maria Volonté dà continuità al racconto e commenta i fatti.
Il film ottenne il nulla osta dal Ministero nel 1969, con il divieto della visione per i minori di 14 anni.
Presentato al Festival internazionale del documentario e del cortometraggio di Lipsia 1969.
Il film è stato restaurato in digitale, a cura di Guido Albonetti, nel 2002.

Festival

- Festival internazionale del documentario e del cortometraggio di Lipsia (1969)

Film consigliati